09/06/09

Collaborazioni

Dunque, da questo mese collaboro con CHIERIOGGI, una rivista locale del paese in cui vivo… Ve lo dico così, come se niente fosse… MA SONO CONTENTISSIMA!!! Come dicono i saggi, anche nel viaggio più lungo la cosa più importante è il primo passo, e questo è il mio primo passo in fatto di giornali e riviste!

Quando mi è stato chiesto di scrivere questo articolo solo una cosa mi è venuta in mente: è scoppiato il caldo e la voglia di mettersi ai fornelli diminuisce in maniera proporzionale! Così ho cominciato a pensare e rimuginare…. et voilà: due ricette fresche ma molto gustose che non richiedono lunga sosta davanti a pentole fumanti: la pasta alla crudaiola e i peperoni con tonno.




PASTA ALLA CRUDAIOLA

La prima volta che l’ho assaggiata l’ha preparata il mio babbo, quando abitava per motivi di lavoro vicino a Bari; avevo quindici anni quando andai a trovarlo ma ricordo tutto alla perfezione: la casa vicina al mare con il giardino e il terrazzo pieno di sole; il favonio che costringeva tutti in casa con le finestre chiuse perché soffiava caldo, troppo caldo e l’unica era ripararsi nella fresca penombra delle stanze; il mare sempre piuttosto mosso e turbolento con il suo tappeto di alghe che mi dava sempre una sensazione poco piacevole sotto i piedi… ripensare a questa ricetta mi fa tornare in mente i profumi e i sapori di quei giorni, nonostante gli anni passati! Mi sono ricordata di questo piatto qualche anno fa mentre cercavo di evitare l’ennesima insalata caprese o prosciutto e melone! Ho chiesto dunque al babbo di rinfrescarmi la memoria ed ecco ciò che mangiai allora.

Ingredienti (4 persone)

3-4 pomodori maturi
1 spicchio d’aglio
1 ciuffetto di basilico
marzotica (o altra ricotta dura)
olio extravergine d’oliva
peperoncino, sale.

Tagliate i pomodori a dadini e metteteli in una terrina; il babbo aveva usato dei profumatissimi S.Marzano (sfregati sul pane di Altamura e conditi con un filo d’olio erano una bontà… qui non ne ho mai trovati di simili!) ma possono andar bene anche i pomodori ramati o i ciliegini: l’importante è che siano belli maturi ma sodi, non si devono disfare. Aggiungete uno spicchio d’aglio sbucciato e schiacciato (se volete prima di condire la pasta l’aglio lo potete togliere), qualche fogliolina di basilico spezzettato rigorosamente con le dita, una buona grattugiata di marzotica, una ricotta tipica pugliese. Se non la trovate va benone anche una ricotta dura sarda di pecora, ugualmente gustosa e saporita. Condite il tutto con olio evo (extravergine d’oliva), peperoncino e un pizzico di origano; salate tenendo presente che la ricotta è già saporita. Lasciate riposare qualche ora in frigorifero mescolando di tanto in tanto per amalgamare bene i vari profumi. Un’ora prima di mangiare tirate fuori la terrina dal frigorifero per evitare che sia troppo fredda.
Una volta scolata la pasta buttatela nella terrina con il sughetto, mescolate bene, aggiungete ancora della ricotta, grattugiata o a scagliette e servite subito.

PEPERONI CON TONNO

Per quanto riguarda i peperoni con tonno li ho rubati a mia suocera, ma ho scoperto che sono abbastanza tipici come antipasto piemontese. Anch’essi sono semplici da preparare e dopo aver buttato tutto in pentola non siete proprio costretti a stargli intorno (giusto girare di tanto in tanto!). Si mangiano volentieri in ogni stagione; d’estate sono ottimi sulle bruschette come preludio ad una bella grigliata!

Ingredienti

1 kg di peperoni rossi e gialli
2 dita di vino bianco
2 dita di aceto di vino
2 dita di olio evo
2 spicchi d’aglio interi
4-5 filetti di acciuga
1 cucchiaio di capperi
1 cucchiaino di zucchero
1 mazzetto di prezzemolo
2 scatolette di tonno
sale

Pulite i peperoni rossi e gialli e tagliateli a pezzetti piccoli (se decidete di metterli sulle bruschette più piccoli sono e meglio è!); metteteli in una pentola e aggiungete due dita di vino bianco, due dita di aceto e due dita di olio extravergine d’oliva; unite gli spicchi d’aglio sbucciati, i filetti di acciuga, una manciata di capperi, un cucchiaino di zucchero; salate. Mescolate bene e fate cuocere a fuoco vivace per 15-20 minuti (i peperoni non devono essere molli come nella peperonata, ma piuttosto sodi e croccanti). Negli ultimi minuti di cottura aggiungete una manciata di prezzemolo tritato e due scatolette di tonno. Lasciate raffreddare e servite con del pane abbrustolito o come semplice antipasto.


Mi piacciono questi piatti per la loro semplicità e per il colore così estivo… mi piacciono perchè hanno carattere e sono molto gustosi… mi piacciono perché fonte di ricordi piacevoli e profumati… e infine mi piacciono perché in fotografia rendono molto bene… e io sono pur sempre, prima di tutto, una fotografa!!

Buon appetito!

14 commenti:

  1. Ma che bellezza!! Oltre alle foto, ora anche delle ricettine da leccarsi i baffi. Brava Chiara, vedrai che dopo Chierioggi ce ne saranno tanti altri :) Baci baci AMY

    RispondiElimina
  2. complimenti per la collaborazione!
    e che buone ricette!
    ciaooo!

    RispondiElimina
  3. Complimenti Chiara!!
    E ti credo che sei contentissima!!
    Anche io sono contenta per te e ti auguro che questo sia solo il primo passo di un lungo viaggio!

    RispondiElimina
  4. Chiara complimenti per questa bella collaborazione!! e grazie per queste ricette del Cuore!! semplici e saporite e condite con l'ingrediente principe...i ricordi!!
    buona serata
    Paola

    RispondiElimina
  5. Cara Chiara ti auguro che questo sia solo l'inizio per una strepitosa carriera, te lo meriti. Paola.

    RispondiElimina
  6. Prova questa mia ricetta. Cuocere i peperoni al forno per togliere loro la pelle. Mondarli e poi tenerli da parte. Fare un battuto con: pomodori maturi, acciughe, capperi, qualche oliva nera ed abbondante basilico. Mettere in una terrina i peperoni a falde, cospargere col battuto ed olio extravergine ma di quello delicato. Tenere in frigo. Si conservano anche 4-5 giorni...

    RispondiElimina
  7. vero, le foto si abbinano benissimo !

    strano nome chierioggi

    RispondiElimina
  8. Complimenti per la collaborazione Chiara :)
    Sono sicuro che diventerai una rubrica imperdibile, almeno quanto i tuoi food-post!
    Max

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Ti auguro che sia solo l'inizio di una proficua collaborazione che possa aprire nuovi orizzonti gratificanti.
    I piatti estivi hanno sapori fortemente evocativi :-D

    RispondiElimina
  11. Che meravigliosa soddisfazione!!! Ti mando il mio più caro "in bocca al lupo"!!! A presto, aspetto le prime news!!! Complimenti!!! Ciao!

    RispondiElimina
  12. Mamma mia! Scusate l'assenza ma sono stata parecchio incasinata :)
    @ amy: speriamo! Un abbraccio.

    @ raniero: bentornato e grazie. Ciao :)

    @ Konstantina: i viaggi sono sempre una delle cose che preferisco e più sono lunghi meglio è!
    A presto :)

    @ paola: non avendo fatto alcuna scuola queste sono le ricette che ho nel mio quadernino! quelle che mi hanno insegnato mamme, nonne, zie... ma con voialtri di sicuro imparo altre cose sfiziose; quindi grazie anche a voi :)
    Un bacio!

    @ paolaotto: grazie :) sei sempre molto gentile!! Passo a copiare le tue cipolle :)

    @ to_revive: ciao e benvenuta! mi sembrano ottimi questi peperoni, proverò di sicuro!! grazie della ricetta... e di esserti fermata :)
    A presto!

    @ giardigno: ciao! spero che facciano venire l'acquolina... in fondo è il loro scopo!!!
    Grazie :))

    @ max: grazie :) anche se sono anni luce indietro con il food... che ti devo dire, piano piano mi rimetto in pari!! Ciao!

    @ lenny: hai ragione... le vacanze da bambino sono ricche di profumi e sapori indimenticabili!
    Grazie e a presto :)

    @ ramaiolo: tanti entusiastici complimenti fanno bene al cuore... :) grazie grazie!!

    @ tutti: come prima cosa non lascerò più passare troppi giorni senza rispondervi se no vi tocca il commento-fiume!! Vi ringrazio davvero di cuore, lo stimolo giusto per andare avanti e migliorarsi! Un abbraccio a tutti, chiara!

    RispondiElimina
  13. santo cielo, ti lascio una settimana e salti per aria come una miccEtta.
    Brava, ma lo sapevo.
    Adesso lo sai anche tu; godine le conseguenze.
    pascal

    RispondiElimina
  14. è una ricetta molto bella colorata e gustosa, non l'ho mai provata anche se è una tipica ricetta piemontese, complimenti per le fotografie

    RispondiElimina