21/05/09

Pazienza



Come il ragno, pazientemente, filo dopo filo,
tesse la sua casa
anch’io vorrei, pazientemente, parola dopo parola
tessere il nostro parlare…
… ma così, a volte, non è..






Ma sappiate, figli miei adorati,
vi amo
e vi amerò.

13 commenti:

  1. Perle di rugiada che incantano, intrappolata nella tela ... osservo il mondo

    RispondiElimina
  2. Il ragno tesse con pazienza la tela perchè da essa dipenderà la sua cena e quindi la sua sopravvivenza. Il processo è semplice e lineare. Non altrettanto, spesso, è il dialogo, che va per difficili ascese e veloci cadute, ma che comunque producono l'effetto...di imparare a camminare da soli. Il tuo amore per loro sarà il tuo essere corda a cui appigliarsi, per sapere che comunque l'ascesa continuerà in tutta sicurezza...

    RispondiElimina
  3. Grazie Lider... a volte serve l'incoraggiamento perchè la paura di sbagliare è tanta... e anche gli errori! Ma come si dice da sempre, essere genitori è un mestiere difficile che nessuno ti insegna... si può solo sperare che sia sufficiente l'amore, una buona dose di intuito, la pazienza, qualche sano e imprescindibile NO ... e anche tanta, tanta allegria!!! :)

    RispondiElimina
  4. Che bello Chiara! Queste corde che uniscono per sempre e le gocce di rugiada...pazienza ed allegria: una formula perfetta!

    RispondiElimina
  5. Speriamo Dada... non esistono formule perfette per crescere i nostri "little monsters" ma forse a volte ci si avvicina alla perfezione!!!

    RispondiElimina
  6. Una cosa credo sia inconfutabile. Gli errori da eccesso d'amore sono assolutamente più perdonabili e meno dannosi degli errori da carenza d'amore. Quindi anche se ti capitasse di sbagliare stai pur certa che te ne saranno comuqnue grati :o)

    RispondiElimina
  7. Queste ragnatele sembrano intessute di perle...

    Con pazienza infila una dopo l'altra le tue parole e regalerai ai tuoi figli qualcosa di prezioso :) A presto AMY

    RispondiElimina
  8. Mammamia che belle foto... la prima mi ha fatto tornare indietro di anni...a quando la mattina, con il freddo che ti pungeva la faccia, io, piccina, prima di andare a scuola a piedi, accompagnata da uno dei miei genitori mi affascinavo a guardare, queste meravigliose opere architettoniche animali...
    ....Grazie ;)))

    RispondiElimina
  9. Ciao Chiara, intanto grazie per il premietto che proprio mi è sfuggito!!!è bello sapere di essere tra i tuoi blog preferiti.... io non smetto di osservare e leggere le tue cronache minime!! Ciao ciao!!!

    RispondiElimina
  10. Grazie a tutti :) E' confortante sapere che quello che fai suscita emozioni, ricordi o meraviglia!!! Soprattutto grazie di trovare il tempo di farmelo sapere...
    Un abbraccio e buon fine settimana :)

    RispondiElimina
  11. Spighetta: benvenuta e grazie di esserti fermata :)
    Ramaiolo: sono felice che tu abbia voglia di fare un pezzetto di viaggio con me :)
    Amy: come va con il lavoro? distrutta anche questa settimana? Per fortuna è venerdì... riposa mi raccomando! Kiss

    RispondiElimina
  12. le ragnatele ci insegnano tante cose, e le tue sono davvero belle. Io sono un tipo paziente ma ultimamente il mio medico mi ha fatto notare che qualche volta troppa pazienza diventa eccesso di dolcezza....e può far male. Soprattutto a chi la pratica. Ma pare che questo non sia il caso dei nostri ragni. Ti abbraccio, Lola

    RispondiElimina
  13. Già... come dicevano i saggi "in medio stat virtus"... la cosa più difficile è proprio trovarla e perseguirla la famosa "via di mezzo"!!

    RispondiElimina