14/04/09

C'era una volta la soma d'aj...

Stamattina stavo guardando food photographer vari
quando mio figlio, 9 anni, mi è comparso accanto ed
ha cominciato a guardare le foto con me.
Ad un certo punto ha chiesto:
”Ma lui ha fotografato la SOMA D’AJ??”

e se n’è andato…






Dunque… la SOMA D’AJ è una bruschetta tipicamente piemontese
Si prende del pane (biova o mica, l’importante è la rugosità!)...





e ci si sfrega su abbondante aglio… ("abbondante" dipende dai vostri gusti... e da quelli del partner!!)




Il pane si può affettare...




e sulle fette si versa olio l’oliva.



Da qui in poi tutto è possibile…
Ho letto di lardo, pomodori, fette abbrustolite e pagnotta intera..
La versione preferita del figlio di cui sopra

(e che cito per dovere nei suoi confronti)
è quella con il gorgonzola.





Comunque decidiate di farcirla il risultato sarà sempre
indubbiamente ottimo!




Accompagnate con un buon Barbera e sono certa
rimarrete soddisfatti!!
Buon appetito :)

8 commenti:

  1. mmmm un post succulentissssssimo !!!
    io sono un purista però; solo pane, aglio, olio.
    nessuna concessione ai barocchismi e alle strane evoluzioni.
    NO, NO, NO !!

    RispondiElimina
  2. anonimo, perbacco! il gorgonzola per la soma d'aj è la naturale evoluzione del gusto, non una strana evoluzione né un barocchismo. barocchismo è il menù del gastronauta, ma a me in questa versione la soma l'ha fatta assaggiare mio nonno che c'era ancora Leone Presidente.
    unico rilievo, ci bevo dietro un bianco fresco, la barbera con il gorgonzola è davvero troppo.

    RispondiElimina
  3. uff... che anonimi pistini che siete (pistini dal piemontese tachissi... no! pignoli)
    so di essere poco sommelier ma una Barberina giovane giovane frizzante...

    RispondiElimina
  4. Uff l'anonimato... un post così gustoso mi ha fatto dimenticare...me stesso.
    Anonimo Pascal, penso che noi che siamo cresciuti a soma d'aj abbiamo risentito dell'influenza della zona, del periodo, della corrente filosofica.
    Io sono, senza dubbio, uno degli alfieri della "soma" dura e pura, ruvida al tatto e al gusto.
    E con il rosso; fermo e schietto !!!

    M

    RispondiElimina
  5. So di entrare nella discussione come un elefante che entra a gamba tesa in una gipsoteca ma m'urge segnalarvi che non è necessario per forza forzina farsi le pippe anche sulla soma d'aj (figuratamente parlando...). Ognuno la mangia come vuole e ci beve ciò che lo soddisfa animalescamente. La Soma non si discute come un saggio su Tolstoi. La Soma si trangugia. W la Soma e W la Soma Photographer!

    RispondiElimina
  6. dai però.... non puoi sottrarti al certamen sulla soma.
    La soma non si "trangugia", buzzurro !! al massimo si "somatizza" !!
    Mi aggrego vivamente però al W la Soma, W la soma Photographer !!

    RispondiElimina
  7. Mi sottraggo sì al certamen. Sono contrario all'applicazione del "pour parler" ad ogni afflato della vita moderna. Lo trovo un esercizio sterile. O da sterilizzare. Concordo però sul fatto che la "soma" si "somatizza"...

    RispondiElimina
  8. da un vegliardo, ottima veramente! ai miei tempi si usava pane raffermo, mooolto raffermo! non è da dimenticare per gli allora noi bambini, ottimo sistema per non avere o debellare i fastidisi "vermi!"

    RispondiElimina